Aboliamo i forestali…

In nome della spesso decantata efficienza sembra che, a livello governativo, si affacci l’idea di abolire il Corpo forestale dello Stato per ridistribuirlo in altri Corpi di polizia. Forse chi si propone ciò – e che ben poco ha fatto finora per salvaguardare l’ambiente – non ha ben presente quanto è aggredito giornalmente il nostro patrimonio, non solo ambientale, ma anche agro-alimentare e quanto si sta adoperando il Corpo forestale per salvaguardarlo. Senza dimenticare poi la prevenzione anti incendio, opera fondamentale per la tutela del territorio: dopo anni di devastazione gli incendi sono diminuiti proprio grazie a tale opera preventiva. I ministri Madia e Padoan chiedono in pratica al Parlamento carta bianca per l’accennata riforma, ma non delucidano ancora le intenzioni del progetto governativo e temiamo fortemente che si arriverà a non tutelare i nostri fragili ecosistemi e quindi anche il benessere della nostra specie. Come si pensa di rendere operativo il progetto, viste le specificità delle competenze attribuite attualmente al Corpo forestale? Non ci sono risposte precise, ci si trincea dietro alla parola “razionalizzazione” e basta. Nè si può parlare di risparmio nell’ottica della spending review, visto che il 90% della spesa resterebbe comunque, in quanto attinente agli stipendi del personale. O forse razionalizzare vuol dire taglio del personale (già insufficiente) con conseguenze catastrofiche? Domandiamoci inoltre: come sarebbe possibile gestire le oltre 150 riserve naturali statali? che fine farebbero le 800 stazioni forestali esistenti? Come dice Mario Tozzi: “Chi conserverebbe le competenze specifiche e le professionalità scientifiche maturate nei centri di ricerca forestale per la biodiversità e per le foreste”? Sicuramente aumenterebbe il caos e la tutela del nostro patrimonio ambientale, così importante anche per l’economia, verrebbe meno. Certo occorre una riorganizzazione, ma nel senso di rafforzare le competenze e rivalutare le funzioni del Corpo forestale, attribuendo ad esso anche più uomini e mezzi. Questo dovrebbe fare un governo saggio.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento