Pensionati: categoria spremuta

I pensionati italiani sono i più spremuti dal fisco rispetto ai colleghi delle altre nazioni dell’UE.
In Italia si contano circa 7 milioni di pensionati che vivono con meno di 1000 euro al mese, di contro abbiamo circa 11.000 “pensionati d’oro”, coloro cioè che percepiscono un assegno mensile superiore ai 10.000 euro. In questi giorni Coferesercenti, Adusbef e Federconsumatori hanno fatto calcoli precisi  messi nero su bianco. In Italia il titolare di un assegno pensionistico pari a 1,5 volte il trattamento minimo INPS paga in tasse il 9,17% dell’assegno, mentre i colleghi di Germania, Francia, Gran Bretagna e Spagna non pagano nulla. Chi invece riceve un assegno pari a 3 volte il minimo INPS (circa 1500 euro mensili) è soggetto ad un prelievo doppio rispetto ad un pensionato spagnolo, triplo rispetto a quello inglese, quadruplo rispetto a quello francese.
Inoltre, secondo Venturi, presidente di Conferesercanti, l’Italia è l’unico Paese dell’UE nel quale un pensionato “da quando è a riposo paga in proporzione più tasse di quanto ne pagava quando era attivo”. Secondo: il maggior prelievo è più alto per le pensioni di importo più basso. Nel resto d’Europa avviene esattamente il contrario. Tra l’altro i pensionati italiani sono stati esclusi dal bonus di 80 euro concesso dal governo ad altre categorie.
A questo punto è bene fare una importante considerazione: nel periodo attuale di (lunga) crisi economica i pensionati italiani sono diventati, secondo Conferesercenti (ma tutti ce ne siamo resi conto), ” i pilastri del welfare familiare”, le famiglie sono spesso aiutate e sostenute dai pensionati.
Purtroppo la caduta del potere d’acquisto delle pensioni ha contribuito a far crollare anche quella delle famiglie ( – 13,6% dal 2008). Il contenimento dei consumi tra il 2012 ed il 2013 ha sottratto all’economia 58 miliardi di euro. Per questo Adusbef e Federconsumatori insistono per l’estensione del bonus ai pensionati ed agli incapienti. Capirà il governo che non si tratta di uno spreco, anzi…

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento